Tutti gli articoli di Flavio Dal Lago

Avvento solidale 2021

AVVENTO SOLIDALE 2021

Resoconto raccolta fondi di una Borsa di studio a favore di
SIMONE NGAKOUTOU, per frequentare l’università di medicina presso l’ospedale dei Gesuiti a Ndjamena, capitale del Ciad.

Santo Stefano 1.130 €
San Michele 300 €
Madonna 210 €
San Vito 160 €
Offerta 700 €
TOTALE 2.500

Grazie di cuore a nome di Simone.

Canto della Stella Natale 2021

CANTO DELLA STELLA NATALE 2021

San Michele 912,69 €
San Vito 3500 €
Madonna 1.350

I gruppi canto della stella ed i ragazzi del gruppo giovanissimi di prima tappa che si sono uniti al gruppo di San Michele, desiderano ringraziare tutti coloro che li hanno accolti e sostenuti. Il contributo raccolto sarà destinato alle parrocchie e a qualche adozione a distanza.

Un invito della diocesi in questa situazione di pandemia

UN INVITO DELLA DIOCESI IN QUESTA SITUAZIONE DI PANDEMIA

Come ribadisce la Segreteria della CEI (Conferenza Episcopale italiana) “pare opportuno, al di là delle previsioni normative statali e dei relativi obblighi e adempimenti, ribadire l’invito alla vaccinazione quale concreto gesto e “atto di amore” verso il prossimo” (Nota del 1° ottobre 2021). Inoltre l’utilizzo della mascherina FFP2 è fortemente raccomandato per le celebrazioni e per ogni attività.

Parole di vita 23/01/2022

PAROLE DI VITA

23 Gennaio 2022

Nel villaggio, dove è cresciuto ed è conosciuto da tutti come un semplice falegname, Gesù entra nella sinagoga e si siede nel posto spettante al predicatore. Con sicurezza, grande audacia, ma con sicura franchezza, annuncia ai suoi compaesani di essere lui il Messia tanto atteso dicendo: “Lo Spirito del Signore è sopra di me”.
Al tempo stesso afferma la sua missione: portare ai poveri la buona notizia della redenzione, liberare i prigionieri dalla vera schiavitù, guarire i malati, ridare ai ciechi la vista…
Non è facile, per i presenti, credere a quelle parole ma Gesù ha già compiuto grandi miracoli. Occorre un atto di fede e di abbandono alla volontà di Dio il saper ascoltare le parole pronunciate da il figlio del falegname”. Valgono anche per noi le parole pronunciate da Gesù, annunciate a Nazareth?
Certo occorre tutta la nostra fede per affidare la nostra vita a Lui!
Non ci basta credere che Dio sta dalla parte dell’uomo?
Gesù si è avvicinato ai suoi compaesani di allora ma ha scelto di essere qui, ora, domani, sempre vicino a noi, non per lasciarci tristi, delusi, scoraggiati ma per mettere in movimento energie e possibilità talvolta sconosciute anche a noi stessi.
Non è questa la forza dell’amore?
L’amore genera slancio, fiducia, incoraggiamento in chi si sente amato. Gesù, che ha amato per primo, che ama tutti noi, può non vedere le nostre necessità? E se vede, può non agire, non intervenire?
E noi, a nostra volta, cristiani di questo tempo, possiamo rimanere indifferenti di fronte alle varie situazioni di ingiustizia?
Possiamo accontentarci di “consolare”, con qualche azione buona e caritatevole, chi è nel bisogno?
Chiediamo a Dio la forza per “fare un passo in più”.

Un clima di festa, una festa di nozze 16/01/2022

UN CLIMA DI FESTA, UNA FESTA DI NOZZE

16 Gennaio 2022

La Sacra Scrittura è attraversata tutta dal linguaggio amoroso: intimità, gelosia, matrimonio, fiducia….
La liturgia odierna ci parla di una festa di nozze a Cana, in Galilea, dove sono ospiti Gesù e sua madre Maria.
E’ Maria che fa presente al figlio Gesù il dramma della festa, il dramma dell’umanità: “Non hanno più vino”. Nessuna meraviglia perché la festa poteva durare anche otto giorni e il vino non bastava mai. Ma, senza vino, che festa era?
Il popolo d’Israele aspettava da tempo il Regno di Dio, descritto dai profeti come un tempo di grande benessere e festa per tutti, come un ricchissimo banchetto, con grasse vivande, vini eccellenti e cibi succulenti.
Gesù, che a Maria, aveva da poco detto “Non è ancora giunta la mia ora” viene sollecitato ad agire e dare inizio al Regno di Dio, tanto atteso, cambiando l’acqua in vino.
Gesù, in questa occasione, non compie un miracolo di guarigione verso una persona malata, ma un gesto che esprime solidarietà, desiderio, gioia e festa. Il miracolo del vino, che oggi ricordiamo, è destinato anche a noi, a dissetare anche la nostra sete di oggi.
E’ un invito a camminare, a crescere, a inventare nuove strade, nuove risposte ai bisogni dell’uomo. Da dove dobbiamo partire per cambiare l’acqua in vino? Da dove dobbiamo partire per passare dalla stanchezza all’entusiasmo? Spesso noi cristiani releghiamo Gesù ai margini della nostra vita e ci trasciniamo senza alcun entusiasmo, senza più motivazioni.
E’ necessario chiamarLo in causa e coinvolgerLo per trasformare le nostre giare vuote in otri di vino.
La buona notizia?
C’è vino buono anche per noi; è un vino gratuito, segno della vita e della gioia del Vangelo.

Mio figlio tu sei 9/01/2022

MIO FIGLIO TU SEI

9 Gennaio 2022

Dopo il Natale appena celebrato la liturgia odierna ci presenta Gesù cresciuto, diventato uomo. Dopo anni vissuti nella normalità Lo incontriamo mentre, in fila coi peccatori, va a farsi battezzare, da Giovanni Battista, nel fiume Giordano. Gesù entra nelle acque del Giordano come poi entrerà in contatto con la malattia e la morte che ogni uomo incontra.
Inizia così la sua vita pubblica, la sua predicazione, la sua strada.
Lì, al Giordano, una voce dal cielo lo rivela: “Tu sei mio figlio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento”. (Lc 3,15).
Con il Battesimo tutti noi siamo diventati figli, amati, benvoluti, stimati. Dio ci ama singolarmente, così come ogni genitore ama i suoi figli, ciascun figlio, con totale dedizione, sempre, per tutta la vita, nei momenti belli, ma anche nei momenti tristi, difficili, amari.
Chiediamo a Dio il dono di sentire, rivolte a ciascuno di noi, le parole: “Tu sei mio figlio”. Ci saranno di stimolo per impegnarci maggiormente nell’edificare le nostre famiglie, le nostre comunità, nella pace e nella giustizia. Il Vangelo dell’Evangelista Luca ci parla di “un popolo che era in attesa”. Di chi? Di che cosa? Della venuta del Messia? Di tempi migliori?
Anche oggi, come allora, non mancano certo i motivi per attendere la venuta di un mondo segnato da benessere, pace, salute, giustizia….
Gesù è forte nell’amore, un amore che non viene meno di fronte al rifiuto più ostinato.
I tanti fallimenti nel vivere le nostre relazioni non ci tolgono la dignità di essere amati. Gesù riscalda la nostra speranza di una nuova rinascita perché Dio è con noi e non ci abbandonerà mai.
Auguriamoci, un giorno, quando ci presenteremo davanti a Dio, con il nostro bagaglio, con le nostre ferite, i nostri dubbi, di essere accolti con le parole: “Mio Figlio tu sei”.

Un nuovo anno con l’aiuto di Maria 2/1/2022

UN NUOVO ANNO CON L’AIUTO DI MARIA

2 Gennaio 2022

In questo inizio dell’anno è bello sentire nostre le parole che il signore rivolse a Mosè:
Il Signore ti benedica e ti custodisca. Il Signore ti mostri la sua faccia e abbia di te misericordia. Il Signore rivolga verso di te il suo volto e ti dia pace” (Numeri 6, 22-27).
Con queste parole il Signore promette di rendersi presente, di venire in aiuto. Oggi tali parole non hanno perso la loro freschezza e il loro significato: viene chiesto a Dio di benedire i giorni che ci stanno davanti, in questo inizio di anno nuovo.
Se al termine di ogni anno è giusto rendere grazie a Dio per i giorni trascorsi è altrettanto giusto rendere grazie a Dio per l’inizio di un anno nuovo, anche perché siamo ancora qui, immersi in questo mondo che è dono di Dio.
Molto di ciò che vivremo in questo nuovo anno dipenderà da noi, dalla nostra libertà, dalla nostra responsabilità e generosità.
Altre cose non dipenderanno da noi e dobbiamo essere pronti ad affrontarle, farci forti e solidali.
I giovani corrono di più il rischio di perdersi e di non conoscere la preziosità del tempo, mentre, i più anziani, se lo vedono scivolare davanti ai loro occhi.
Il tempo è un bene prezioso, è un dono di Dio, da riempire di cose buone. Chiediamo con forza a Dio di mostrarci il suo volto luminoso e gioioso e di essere assistiti in ogni ora di questo anno.
Chiediamo il dono della pace, condizione essenziale per il benessere sociale, la giustizia, la solidarietà.
Chiediamo, altresì, di benedire chi ci sta accanto: il nostro coniuge, i nostri figli, genitori, amici …
Ti auguro tempo per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono. Ti auguro tempo anche per perdonare. Ti auguro tempo… per donarlo agli altri. Ti auguro di avere tempo, tempo per la vita” (Elli Michler)

E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi 27/12/2021

E IL VERBO SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI

27 Dicembre 2021

Colui che l’uomo non può vedere, Colui che ha dato vita all’universo e che non ama stare da solo.. entra nella storia assumendo la condizione di fragilità dell’uomo. Nascendo tra noi si è fatto uomo, ha agito con volontà d’uomo, ha amato con cuore d’uomo.
Nella sua famiglia, composta da Maria e Giuseppe, di un comunissimo villaggio della Galilea, ha conosciuto l’amore, l’incomprensione, il dolore, il silenzio. Un giorno ha dovuto lasciare il suo ambiente per avventurarsi in un percorso che ben presto non gli risparmierà dolore e fallimento.
Come ogni uomo ha avuto bisogno di amici, uomini e donne, con cui confidarsi e presso la cui casa rifugiarsi. Come ogni uomo ha conosciuto sulla sua pelle l’incomprensione delle folle e pure quella di coloro che aveva chiamato con sé. Come ogni uomo ha sperimentato come gli uomini in fretta si emozionano ma altrettanto in fretta dimenticano ciò che avevano promesso. Come ogni uomo ha chiesto il conforto di una compagnia nella notte del dolore sul Monte degli ulivi. Come può capitare ad ogni uomo, ad ogni papà, ha conosciuto l’amaro calice del tradimento e del rinnegamento.
Come Lui solo ha sperimentato ha terminato la sua vita fuori dalle mura della città, come l’ultimo dei malfattori. Noi uomini di questo tempo, come gli uomini di duemila anni fa, siamo sempre pronti a domandare: Gesù aiutami, Gesù dammi, Gesù fammi, Gesù concedimi. E adesso? E’ tutto finito? NO!
Egli nasce anche quest’anno perché Dio ha deciso di stare con gli uomini per sempre. Dio non si stanca mai di noi, della nostra storia, della nostra umanità, delle nostre infedeltà, dei nostri slanci…
Ora tocca a noi aiutarlo a nascere, a trovare casa, aiutarlo a crescere in questo nostro mondo.
Accogliamolo con gioia e sarà un NATALE DI GIOIA.
BUON NATALE A TUTTI…. A chi lo ha atteso con speranza, a chi lo sente vicino, a chi lo sta cercando, a chi vive in solitudine.
Signore, Tu sei venuto, hai mani e voce come noi, un cuore come il nostro cuore”. (David Maria Turoldo).